PRESENTAZIONE
About us
GRUPPO DI LAVORO
Team
ATTIVITA'
Services
PROGETTI
Projects
PARTNERS NOVITA'
News
LINKS CONTATTI
Contacts


SONORIZZAZIONE DEGLI SPAZI INTERNI - INDOOR SOUND DESIGN
METROPOLITANA MILANO LINEA 4


Uno spazio pieno di suoni


Variazioni sensoriali cross modali dello spazio ipogeo


Verticalizzazione sensoriale dello spazio ipogeo

PSICOLOGIA AMBIENTALE E SOUND DESIGN DEI CUNICOLI

I cunicoli sono spazi caratterizzati da sezioni di piccole dimensioni in cui l’altezza è di ordini di grandezza minore rispetto allo sviluppo longitudinale. Nelle ore di massima affluenza l’affollamento tende a restringere lo spazio libero, non occupato dalle persone, rendendo ancora più evidente il senso del piccolo.  Soggetti predisposti a claustrofobia e agorafobia, due tra le fobie più diffuse, sensibili ai luoghi chiusi o troppo affollati, persone soggette ad attacchi di panico e alle quali gli ambienti piccoli inducono un senso di oppressione, difficoltà respiratorie, iperventilazione, sudorazione e nausea, possono vivere in modo assolutamente negativo l’esperienza di transito nei cunicoli.
La proposta di intervento di indirizzo alla progettazione architettonica è finalizzata a restituire una sensazione di maggiore ampiezza, di maggiore altezza, di minore affollamento, di ambiente con confini fisici più lontani e accogliente anche nelle condizioni di affollamento.
La verticalizzazione dello spazio ottenuta con cromatismi variabili ad angolatura diversa che catturano l’attenzione incidendo così sulle condizioni fisiologiche e psicologiche dell’individuo percipiente, la luce e le scene raffigurative che indirizzano il movimento e che guidano il viaggio verso la destinazione finale. Tutti i blu sono sedativi e calmanti; essi raffreddano e diminuiscono gli stati tensivi, rallentando, dal punto di vista fisiologico, il battito cardiaco, il ritmo respiratorio e diminuendo la pressione arteriosa.

La progettazione acustica o “sound design” dei cunicoli ha permesso di intervenire in modo rilevante sulla percezione dello spazio fisico rilevato sensorialmente dagli utilizzatori e di migliorare la qualità estetica del paesaggio sonoro. L’ambiente dei cunicoli e delle stazioni non deve essere rumoroso, deve possedere buone qualità tonali ed emettere suoni con opportuni tempi di riverberazione. Il lavoro sui cunicoli di collegamento alle stazioni è stato  focalizzato sui seguenti aspetti:

  • ridurre il rumore generato dall’architettura a causa dei fenomeni di riverbero;
  • evitare la creazione di rinforzi modali su pareti parallele;
  • controllare le qualità tonali, i tempi di riverberazione e l’intelligibilità
  • indurre per mezzo di materiali fonoassorbenti una percezione di verticalizzazione dello spazio e di accrescimento in altezza;
  • permettere la comprensione dei messaggi verbali e di pericolo (Intelligibilità).
     

In collaborazione con: Arch. S. Beccarelli - POLICREO srl Società di Progettazione 



progetto paesaggi sonori, progetto sonorizzazzione spazi interni ed esterni, progetto suoni dell'acqua
sonorizzazzioni pareti e installazioni sonore, arti sonore , marchi sonori